Avanti piano (ovvero: indietro tutta)

Eppure lui ci ha provato a metterci in guardia!

A quanto pareva, vi erano state anche manifestazioni di ringraziamento al Grande Fratello per aver aumentato la razione settimanale di cioccolato, portandola a venti grammi. Ma se appena ieri, pensò Winston, avevano annunciato che la razione di cioccolato doveva essere abbassata a venti grammi! Possibile che potessero mandar giù una balla simile a distanza di sole ventiquattr’ore? Sì, era possibile. Parson se l’era bevuta tranquillamente, con la stupidità di un animale. […] E pure Syme, magari in una maniera più complessa, implicante una qualche dose di bipensiero, pure Syme se l’era bevuta. Era quindi solo lui, Winston, a possedere una memoria?

-- George Orwell, 1984
La banda del gobbo

Read more

Schizzi di merda – parte 3

Dare spazio sena contraddittorio al segretario generale del CO.I.S.P., tirare merda su l’Unità, perché i poliziotti che manifestano contro l’arresto di colleghi assassini valgono di più di chi lavora nelle redazioni dei giornali di opposizione (si può dire ora che si dichiarano il primo partito d’Italia?) e quindi bisogna zittirli in tutti i modi.

Qualcuno dice ancora che questa è roba di sinistra, che Marx sarebbe stato d’accordo, che la sinistra ha perso elettori verso Grillo perché non ha capito queste cose.

Io continuo a pensare che quegli elettori che prima votavano a sinistra e ora votano Grillo, lo facevano per sentirsi snob.
Troppo impresentabile Berlusconi per votarlo, troppo rozza la lega, troppo democristiano Casini, troppo ex fascista Fini, troppo tecnico Monti, allora votavano PD, perché sentivano la mancanza dei dorotei.
Anticomunismo e progressismo da piccola borghesia individualista e , fondamentalmente, provinciale e ignorante, nonostante le lauree o gli altri titoli conseguiti.

Meno male che Grillo ci ha liberati da questa feccia, tienitela stretta, se ti piace.

 

Schizzi di merda – parte 1

Ci sono persone che mi han fatto notare come le mie “analisi”, che altro non sono che il rigurgito della cena e del troppo vino, e, diciamolo, dell’odio che ho per la vita (avete notato che sono brutto e pelato?), fossero troppo poco incisive, troppo superficiali e in definitiva, troppo di parte.
Ovviamente non vi sto a dire di che parte fossero queste persone e quale accusa mi abbiano rivolto (vi dico solo che finisce con “hai votato Bersani!”).

Read more

Non ce vonno sta

Essere smerdati da Vice è tipo una delle cose peggiori che possono succederti nella vita.
Subito dopo essere nati con la mia capigliatura.
Per chi si fosse collegato solo ora, questo è il riassunto delle puntate precedenti in cui spiegavamo come si svolgono i meet up grillini.
Enjoy!

Non so che sto facendo, ma lo sto facendo a 5 stelle.

Ora ditemi che non vi fanno ridere

Recentemente, in una sorta di opera di “sbianchiamoci l’immagine”, sono nati in numero cospicuo blog che “indipendentemente” (stranamente dopo che Messora ha messo il silenziatore a tutte le voci ufficiali – ci prendete per culo Messora? pensate siamo scemi? -) difendono l’operato del buon Grillo e spiegano a noi mortali perché li abbiamo capiti così male, non è che loro non si sanno spiegare, non è che dicono una cosa e il suo contrario, non è che al loro interno c’è tutto e niente, no, non è che loro possono liberamente essere antisemiti senza essere redarguiti (perché nel movimento sono forti anche i complottisti, e gli ebrei, si sa, sono i re dei complotti), no è colpa nostra che non abbiamo letto tutti i post di Grillo in favore degli ebrei.

Read more

Il silenzio è Dodo

Come il mitico uccello estinto, il silenzio all’interno del movimento 5 stelle sembra essere una chimera irraggiungibile, un’utopia che mai si avvererà, il sogno di Peppe Crillo che si realizza, l’incubo del grillino medio, scusate, del cittadino eletto a 5 stelle, che diventa più vero della verità che i vaccini fanno diventare gay.
Almeno il Dodo faceva simpatia.

Read more